Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog

l'angolo dei lettori

Amore perduto

Amore perduto

Mi hai visto piangere quando non avevo più lacrime. Mi hai visto sorridere quando il mio sorriso era una maschera... poi il nulla. Tristezza, angoscia solitudine. Questo ciò che è rimasto. Qualche volta vivi nei miei sogni: ci teniamo per mano, camminiamo...

Mostra altro su

Le cose semplici della vita

Le cose semplici della vita

Per me la felicità è presente nella vita degli Uomini. Non solo di alcuni, ma di tutti. Si pensa che vada sempre ricercata, ma secondo me è già insita nell’Uomo, bisogna solo saper dove guardare. Per esempio: si nasce piangendo, quindi si potrebbe pensare...

Mostra altro su

Una morte lenta, ma inesorabile

Una morte lenta, ma inesorabile

Alcuni giorni fa ho avuto la fortuna di dover fare un lavoro a Villasimius. Dico fortuna perché tutti sanno quanto sia bella questa località. Oltre Tirreno è quasi sempre la prima località turistica che le persone nominano sognanti e con un pizzico di...

Mostra altro su

Per tutte le volte...

Per tutte le volte...

Per tutte le volte che indossi un sorriso che vero sorriso non è. Per tutte le volte che ti addormenti sentendo la mancanza di qualcuno. Per tutte le volte che perdoni e sai che non dovresti. Per tutte le volte che hai bagnato il cuscino di lacrime. Per...

Mostra altro su

Domus de Janas

Domus de Janas

Vivono sottoterra, nelle loro dimore scavate nella roccia. Sono minuscole, non più alte di un palmo di mano. Bellissime, avvolte nei loro mantelli rosso porpora. Escono solo di notte, affinchè i raggi del sole non rovinino la loro candida pelle. Sono...

Mostra altro su

Alika: Il nuovo angelo della strada

Alika: Il nuovo angelo della strada

Date di eliminazione della schiavitù e di uguaglianza per tutti. Date a quante pare "inutili" ormai. 1794-Francia 1833-Inghilterra 1944-Italia 1964-America Filippo Claudio Giuseppe Ferlazzo, ricordatevi questo nome, anzi no. Non ricordatelo, non se lo...

Mostra altro su

La mia Zante

La mia Zante

Guardo fuori. Che tempo di merda. Che giornata di merda. Diluvia. Mi siedo nel “confortevole” (tra ventisette virgolette) sedile dell'aereo. Non ho spazio per le mie gambe chilometriche. Le mie ginocchia fanno da fagiolo alla principessa seduta davanti...

Mostra altro su

Un brivido di libertà

Un brivido di libertà

Io e lui eravamo là. Sdraiati in cima a una collina. Era un pomeriggio d'autunno particolarmente soleggiato, mancava un quarto d'ora alle cinque. Una leggera brezza accarezzava i nostri capelli sollevandoli verso il cielo. Un filo d'erba tra le labbra,...

Mostra altro su

La fine di un mondo

La fine di un mondo

A Giuseppe A Mattia A chi vive la fine di un suo mondo... Non ci avvisa quasi mai la fine del mondo. Non ci avvisa nelle situazioni nelle quali l'ordine naturale è sovvertito, tipo quando a poco più di quarant'anni ti mangi i chilometri con la tua bici...

Mostra altro su

Tra "X" e "Y" non siamo noi a decidere

Tra "X" e "Y" non siamo noi a decidere

Dedico questo mio breve racconto di vita reale a tutte le persone che, vittime dell'ignoranza, continuano a discriminare e rendere la vita difficile a chi ha un orientamento sessuale o una identità di genere diversa. Maura è una mia alunna molto diligente...

Mostra altro su